Birre alla Spina: principali metodologie e tecnologie per la spillatura

Ristoranti, bar, pub ed altri locali aperti al pubblico hanno un elemento in comune: una buona fornitura di birre alla spina ed in confezione. La birra è una delle bevande alcoliche più richieste e popolari, amata da clienti di tutte le età: per tale motivo, non può mancare assolutamente all’interno di un menù. Alcuni locali preferiscono offrire soltanto birre in lattina o in bottiglia ma, in certi casi, possedere un buon impianto per la spillatura può davvero fare la differenza: un boccale di birra alla spina, infatti, è un prodotto che attrae tantissimo la clientela, specialmente se si parla di specialità tradizionali e/o artigianali, o di case produttrici di fama internazionale.

Sulla corretta mescita della birra, ovvero la modalità con cui essa viene versata all’interno del bicchiere, esistono vari dibattiti e posizioni differenti: barman ed esperti, infatti, vanno, da sempre, alla ricerca della metodologia perfetta, in grado di formare la giusta quantità di schiuma e di esaltare al massimo il gusto della bevanda. Ad oggi, tuttavia, le tecniche più comuni sono tre: quella belga, che prevede l’immersione veloce del bicchiere ed il taglio della schiuma in eccesso con una spatola, prima di reimmergerlo; quella inglese, secondo cui occorre inclinare il bicchiere prima di aprire il rubinetto; ed infine quella tedesca, che prevede di versare piccole quantità di birra ed attendere che la schiuma diminuisca, ripetere più volte l’operazione e dare, infine, un colpo netto per servire con un “cappello” di schiuma. Anche la conservazione del fusto è fondamentale, affinché la birra si mantenga in condizioni impeccabili: ecco perché occorre prestare attenzione sia alla temperatura, che al perfetto funzionamento dell’impianto per la spillatura.

Le case produttrici di birra, inoltre, hanno dato vita a sistemi di conservazione e mescita innovativi, sviluppati proprio per valorizzare le proprietà, il gusto e la consistenza della bevanda, e per consentire una spillatura quanto più efficiente.

Il sistema innovativo Draught Master - Modular 20 costituisce uno degli esempi più brillanti: si tratta di uno speciale fusto in PET usa e getta, che non prevede l’inserimento di anidride carbonica e, dunque, permette di mantenere la bevanda in condizioni ottimali, fresca come quella appena prodotta, con una deliziosa schiuma compatta. Tale sistema, pertanto, risulta molto vantaggioso per chi gestisce un locale pubblico: innanzitutto, perché non dovrà acquistare CO2, ma anche per la maggiore praticità dei fusti monouso, che non richiedono ulteriore spazio né manutenzione, oltre ad essere particolarmente leggeri e maneggevoli. Infine, il gusto della birra rimarrà inalterato: un grande beneficio per chi desidera offrire un prodotto di alta qualità alla sua clientela.


La gestione di un’attività nel settore della gastronomia richiede anche una serie di prodotti e materiali di consumo: dai detersivi e detergenti per la pulizia della sala, della cucina e dei servizi igienici, allacarta, fino ad una scorta di piatti, bicchieri e tovaglioli monouso. Tutti questi articoli devono essere costantemente disponibili in magazzino, affinché la manutenzione del locale venga effettuata in maniera corretta; inoltre, è necessario utilizzare esclusivamente saponi e sgrassatori privi di sostanze potenzialmente nocive per l’uomo e per l’ambiente, per evitare di contaminare gli spazi aperti al pubblico. Pertanto, quando si effettuano gli ordini presso un fornitore di generi alimentari e bevande, è bene includere tali prodotti all’interno della lista.

Un secondo esempio, altrettanto funzionale ed innovativo, è dato dal Sistema Leonardo, messo a punto dallo storico Gruppo Castello, produttore di una delle birre più conosciute ed apprezzate sul territorio nazionale. Anche il Sistema Leonardo prevede l’utilizzo di fusti in PET con un esclusivo metodo di spillatura che, attraverso l’impiego di una sacca alimentare, fa sì che l’anidride carbonica non entri in contatto con la bevanda: anche in questo caso, dunque, la birra alla spina verrà conservata in maniera ottimale, lasciando intatti sia il suo gusto che la sua fragranza. Inoltre, i materiali adoperati per tale Sistema, sono del tutto riciclabili, il che rappresenta un vantaggio, oltre che per il titolare, anche per l’ecosistema.

Desideri sapere di più sui sistemi Draught Master - Modular 20 e Sistema Leonardo? BluBai, fornitore di birra alla spina in fusti nella zona di Forlì-Cesena, Rimini, Pesaro ed Urbino, tratta entrambi gli impianti, oltre a disporre di una grandissima varietà di birre alla spina ed in confezione, ed anche di bevande analcoliche, succhi di frutta, vini e liquori: tutto ciò che occorre per gestire, in modo efficace, un’attività nel settore gastronomico.